Tasse Statali e Federali

Tasse Statali e Federali

INTRODUZIONE

INTRODUZIONE Analizziamo per voi le principali tasse statali e federali in vigore negli Stati Uniti.

Lo straniero che investe negli Stati Uniti deve tenere conto delle diverse implicazioni fiscali, sia se intende acquistare un appartamento residenziale per guadagnare sia se ha l’obiettivo finale di aprire un’attività commerciale negli Stati Uniti. Cinque sono le tasse americane più importanti da tenere a mente: i) FIRPTA, ii) imposte sul reddito (imposta sul reddito), iii) plusvalenze (plusvalenze), iv) imposte sulle vendite (imposta sulle vendite) e v) commissioni sui trasferimenti (come tasse di successione, imposte sui doni e commissioni di trasferimento per le generazioni successive). L’obiettivo di questo articolo è fornire una breve descrizione di tali imposte e delle implicazioni che esse comportano per l’investitore straniero. Forniremo anche consigli su come eseguire in modo efficace la pianificazione fiscale per il tuo investimento negli Stati Uniti. La pianificazione fiscale, se eseguita correttamente e in modo intelligente, può infatti ridurre al minimo la responsabilità fiscale generata dal vostro investimento in questo paese.

FIRPTA

Il dipartimento delle imposte degli Stati Uniti prevede norme specifiche per gli stranieri che vendono una proprietà negli Stati Uniti. Al momento della vendita, l’acquirente è tenuto a trattenere e successivamente a pagare all’American Revenue Agency (Internal Revenue Service o IRS) una somma pari al 15% del prezzo di acquisto dell’immobile come pagamento preventivo delle tasse dovute dal venditore sul profitto dalla vendita. Ad esempio: se Tizio ha acquistato un appartamento a New York per 800.000 USD nel 2016 e decide di rivenderlo a Gaius dopo 2 anni per 1.000.000 di USD, Gaius deve trattenere alla fonte 150.000 USD e versare tale importo all’IRS come imposte stimate sull’utile che Tizio ottenne dalla vendita della proprietà. In verità, in questo caso specifico, le tasse che Tizio dovrebbe pagare sui proventi della vendita sono di circa 40.000 USD. Tuttavia, a causa della mancanza di pianificazione fiscale, l’IRS dovrà ancora anticipare una somma aggiuntiva di 60.000 USD. Va notato che tale trattenuta da parte dell’acquirente è dovuta anche se la proprietà viene venduta in perdita. Il venditore estero sarà in grado di recuperare la somma pagata in anticipo dall’acquirente solo al momento della presentazione della sua dichiarazione dei redditi annuale, attraverso una specifica richiesta di restituzione all’IRS. Solo in questa dichiarazione, infatti, l’imposta sugli utili derivanti dalla vendita sarà calcolata correttamente e data la possibilità per il venditore di ottenere un rimborso. L’intera procedura può richiedere fino a 18 mesi dal momento della vendita. Nove volte su dieci è effettivamente richiesto un rimborso, poiché, nella maggior parte dei casi, l’importo trattenuto in anticipo dall’acquirente è superiore all’imposta effettiva pagabile dal venditore. Con un’adeguata pianificazione fiscale è possibile evitare l’applicazione di questa ritenuta alla fonte obbligatoria. Due soluzioni a questo scopo sono ottenere un certificato di conservazione prima della data di vendita o possedere la proprietà americana attraverso una struttura fiscale efficace. La soluzione più adatta dipenderà dalla tua situazione specifica e dovrà essere adattata alle tue esigenze.

TASSE SUL REDDITO

Ogni volta che conduci un’attività negli Stati Uniti, “attiva” (come nel caso di una gelateria) o “passiva” (come nel caso di un appartamento in affitto), è obbligatorio pagare le tasse sul profitto generato dall’azienda. Mentre quasi tutti gli investitori stranieri sono consapevoli di dover pagare le tasse sul reddito generato da un’azienda attiva, non sanno sempre che devono pagare le tasse anche sul reddito generato da un’azienda passiva (ad esempio il reddito derivante dall’affitto di un appartamento a South Beach). Anche se il contratto di locazione dura solo un mese, potresti essere obbligato a dichiarare questo reddito. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, non ti sarà richiesto di pagare alcuna commissione, grazie alle varie detrazioni disponibili per i proprietari. Mentre è vero che sia l’Italia che gli Stati Uniti applicano tasse sul reddito generato da operazioni commerciali negli Stati Uniti, ciò non significa necessariamente che le tasse debbano essere pagate in entrambi i paesi per ottenere lo stesso profitto. Gli Stati Uniti e l’Italia hanno firmato un trattato fiscale per regolamentare questi casi. Secondo le disposizioni di questo trattato, l’investitore italiano può ricevere un credito d’imposta in Italia per le tasse pagate negli Stati Uniti sul reddito generato da una transazione commerciale e / o di investimento negli Stati Uniti.

GUADAGNI

Come regola generale, al momento della vendita di un capitale è dovuta un’imposta sui proventi della vendita. Il profitto corrisponde al valore del prezzo di vendita (a quanto viene venduto il bene), meno la cosiddetta base di capitale (di solito il costo del bene). Se l’attività è di proprietà da più di un anno, la tassazione si basa generalmente su un’aliquota preferenziale. Se, d’altra parte, l’attività è stata venduta entro meno di un anno dall’acquisto, le aliquote per l’imposta sul reddito saranno uguali a quelle applicate per le imposte sul reddito. Un tipico esempio di transazione di guadagno in conto capitale è la vendita di un appartamento. Supponiamo che tu abbia acquistato un appartamento a South Beach nel 2015 per un importo di 100.000 USD e non abbia apportato miglioramenti all’appartamento. Quindi nel 2018 vendi questo appartamento per 150.000 USD. Dal momento che hai detenuto la proprietà per oltre un anno, sarai soggetto a una tariffa preferenziale. L’importo del guadagno, in questo esempio, sarà di 50.000 USD, ovvero il prezzo di vendita (150.000 USD) meno il prezzo di acquisto (100.000 USD).

IMPOSTE SULLE VENDITE

Mentre molte delle imposte coperte in questo articolo sono imposte nazionali, esiste un’imposta locale di cui è importante parlare, l’imposta sulle vendite. L’imposta sulle vendite è un’imposta imposta dalle amministrazioni locali sulla vendita al dettaglio di beni o servizi. L’aliquota di questa imposta non è fissa, così come la categoria di beni e servizi che rientrano in questa imposta. Ogni stato, ogni contea e in alcuni casi anche alcune città, hanno l’autorità di modificare e applicare una tariffa diversa. A differenza dell’imposta sul reddito, l’imposta sulle vendite è pagata dall’acquirente finale e non dal venditore. Tuttavia, è il venditore incaricato di riscuotere la tassa e, a sua volta, di pagarla alle autorità locali. Ad esempio, apri un negozio a Los Angeles per la vendita di abiti sartoriali importati da Milano. Sei il responsabile della riscossione delle imposte sulle vendite per gli acquisti effettuati dai clienti nel tuo negozio e, in un secondo momento, pagando l’importo riscosso al Dipartimento delle finanze dello Stato della California. Questa imposta si aggiunge all’imposta sul reddito che deve essere pagata sugli utili generati dalle vendite nel negozio. Per coloro che si occupano di vendite “virtuali” (ad esempio tramite un sito Internet) abbiamo buone notizie: al momento non ci sono tasse imposte sulle vendite su Internet. Tuttavia, una serie di regolamenti che consentirebbe l’introduzione di un’imposta nazionale sulle vendite su Internet se il consumatore si trova negli Stati Uniti viene presa in considerazione dal Congresso. Ciò potrebbe comportare l’imposizione di un’imposta sulle vendite alle vendite negli Stati Uniti.

IMPOSTE SUL TRASFERIMENTO IMMOBILIARE

A differenza delle imposte sul reddito, questo gruppo di imposte viene imposto al momento del trasferimento gratuitamente di proprietà situate negli Stati Uniti, ad esempio in caso di eredità o donazione. Esistono tre tipi di tasse che rientrano in questa categoria. Imposta sulle successioni, imposta sulle donazioni e imposta sui trasferimenti per le generazioni successive. L’imposta di successione è riscossa sul trasferimento di un bene situato negli Stati Uniti, in caso di decesso del proprietario, come nel caso di un lascito o eredità. La regola generale stabilisce che quando uno straniero trasferisce la proprietà di un bene di questo tipo al momento della sua morte, viene applicata la tassa di successione. I primi 60.000 USD sono esenti da tassazione (trasferimento esente) e il resto del valore dell’attività o della proprietà è tassato secondo un sistema di aliquota progressiva, con un’aliquota massima del 40%. Considerare, tuttavia, che l’Italia è una delle poche nazioni ad aver firmato un trattato fiscale con gli Stati Uniti, rendendo questa tassa quasi irrilevante. Tuttavia, è importante sapere qual è la definizione di un bene situato negli Stati Uniti, in modo che il tuo avvocato tributario ne sia a conoscenza e non siano necessari altri strumenti di pianificazione fiscale.

Ai fini dell’imposta sulle successioni, le seguenti attività sono considerate attività situate negli Stati Uniti:

  • Immobiliare entro i confini degli Stati Uniti;
  • I cosiddetti beni mobili tangibili, che si trovano negli Stati Uniti (ad esempio contanti, gioielli, opere d’arte e automobili);
  • Partecipazioni in società statunitensi, quali società di capitali e società a responsabilità limitata; 
  • Quote di proprietà dell’assicurazione sulla vita di un’altra persona.

L’imposta sulle donazioni viene riscossa sui trasferimenti di attività situate negli Stati Uniti durante la vita del donatore, per un valore inferiore al valore medio di mercato dell’attività. Considerare che le persone giuridiche non possono effettuare donazioni e pertanto questa imposta è generalmente applicabile a persone e non a società, trust o associazioni. A differenza di quanto sopra per l’imposta sulle successioni, non esiste un trattato tra Italia e Stati Uniti sull’imposta sulle donazioni. È pertanto necessario prestare particolare attenzione quando si trasferisce un’attività situata negli Stati Uniti per un valore inferiore al valore di mercato. Inoltre, diversamente da quanto affermato per l’imposta sulle successioni, l’importo dell’esenzione è di soli 14.000 USD all’anno e per persona.

Ai fini della tassa sulle donazioni, i seguenti beni sono considerati beni situati negli Stati Uniti:

  • Immobili all’interno del confine degli Stati Uniti; 
  • I cosiddetti beni mobili tangibili, che si trovano negli Stati Uniti (ad esempio contanti, gioielli, opere d’arte e automobili);

Ad esempio, se possedessi una seconda casa a Los Angeles, del valore di 500.000 USD e desideri donarla a tua figlia, la tassa su questa donazione sarebbe di circa 200.000 USD. In tale scenario è comprensibile la necessità di ricorrere a un’attenta pianificazione fiscale per ridurre al minimo le conseguenze fiscali, come vendere la casa a tua figlia o donare solo una parte di essa. L’imposta di trasferimento alle generazioni successive è un’imposta che viene imposta in aggiunta all’imposta sulle successioni e all’imposta sulle donazioni. Questa imposta è riscossa sui trasferimenti alla seconda generazione o successive. Questi trasferimenti sono tassati con un’aliquota forfettaria del 40%. Le attività in questione saranno valutate al valore medio di mercato. Tornando all’esempio sopra, se invece di donare la casa di Los Angeles a tua figlia, volessi donarla a tuo nipote, dovresti pagare una commissione aggiuntiva del 40% perché la donazione viene fatta a tuo nipote (in realtà sei fare una donazione a una generazione successiva, da cui la tassa prende il nome). Questa imposta si aggiunge all’imposta sulle donazioni che è ancora dovuta.

INVESTIRE NEGLI STATI UNITI

Gli Stati Uniti sono considerati un paese con grandi attrazioni per gli investitori stranieri. La pianificazione fiscale non può garantire un investimento perfetto, ma può sicuramente garantire un investimento efficiente minimizzando le tasse dovute e allo stesso tempo proteggendo l’investitore da spiacevoli sorprese.

SHARE TO